Attribuzioni

Il Procuratore Generale della Repubblica rappresenta l'ufficio del Pubblico Ministero presso la Corte d'Appello di Torino, con attribuzioni di vario tipo, che si esplicano sia nel settore penale che in quello civile ed amministrativo.
Nell'esercizio delle sue funzioni, il Procuratore Generale opera personalmente o per mezzo dei suoi Sostituti.

Fra le attribuzioni della Procura Generale vi è il potere di avocazione delle indagini preliminari, vedi articoli 409- 413 C.p.p. e art. 127 disp. Attuaz. al C.p.p.

Altre importanti funzioni sono quelle previste:
  • dall'art 110 Ordinamento Giudiziario: applicazioni di magistrati;
  • dagli artt 52 e 54 e 54 bis c.p.p. che prevedono il potere di risolvere i contrasti di competenza e decidere sulle dichiarazioni di astensione dei Procuratori della Repubblica;
  • dall'art. 118 bis disp. att. c.p.p. in forza del quale è informato dei procedimenti riguardanti i reati indicati dal comma 2°, lettera a) dell'art. 407 c.p.p. pendenti nelle Procure del distretto;
  • dal generale potere di gravame in ordine alle sentenze dei giudici penali di 1° grado del distretto e con la partecipazione alle udienze penali della Corte d'Appello e della Corte d'Assise di Appello.
  • dal potere di chiedere misure cautelari personali e patrimoniali;
  • dal poter svolgere requisitorie nei procedimenti per risarcimento dei danni da ingiusta detenzione nel distretto e per revisione di sentenze definitive emesse in altro distretto per cui è competente ex art.11 c.p.p.;
  • dal poter richiedere alla Corte d'Appello del distretto competente di emettere sentenza di revisione di una condanna nei casi previsti dall'articolo 630 c.p.p.;
  • dal dare esecuzione delle sentenze penali della Corte d'Appello e sorveglianza sulla tempestiva esecuzione di tutte le sentenze di condanna dei Tribunali e dei Giudici di pace, divenute esecutive;
  • dalla partecipazione alle udienze del Tribunale di sorveglianza e proposizione di pareri e conclusioni scritte su tutte le istanze che vengono presentate dai condannati o dai loro difensori;
  • dall'istruzione delle domande di Grazia presentate alla Procura Generale e formulazione di pareri su quelle presentate al magistrato di sorveglianza;
  • dall'essere parte necessaria e quindi di intervenire in tutte le cause civili in grado di appello per le quali il PM avrebbe potuto iniziare l'azione civile.
Il Procuratore Generale, in ambito internazionale, ha la funzione di:
  • corrispondente nazionale di Eurojust, organo di cooperazione tra le autorità giudiziarie degli Stati membri dell'Unione europea;
  • punto di contatto della Rete giudiziaria europea (European Judicial Network), organo di cooperazione giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell'U.E., che fornisce informazioni di natura giuridica o pratica alle proprie autorità giudiziarie o a quelle degli altri Paesi membri.
Sempre in funzione dei rapporti con le autorità straniere si innestano le attività relative:
  • alle estradizioni, sia attive che passive;
  • all'emissione del mandato di arresto europeo nei casi indicati dall'art. 28 della legge n. 69/2005; -ai pareri espressi, su richiesta della Corte d'Appello, quale organo del P.M. presso il giudice dell'esecuzione, sull'applicazione di una misura coercitiva nella procedura passiva di consegna di un imputato o condannato all'estero;
  • alle rogatorie;
  • alle autorizzazioni agli organi di Polizia di uno Stato estero, che faccia parte dell'area Schengen, a proseguire una loro operazione sul nostro territorio nazionale;
  • alla notifica degli atti all'estero e dall'estero;
  • alla richiesta di riconoscimento di sentenze straniere penali (Convenzione di Strasburgo) e l'intervento per il riconoscimento di sentenze straniere in materia di stato delle persone, minori, annullamento di matrimonio.
Il Procuratore Generale, quale autorità di rappresentanza dell'intero Ufficio requirente del distretto, risponde alle interrogazioni e interpellanze Parlamentari , alle richieste del CSM e di altri organi istituzionali.
Inoltre:
  • è membro di diritto del Consiglio Giudiziario, organo elettivo e decentrato del C.S.M.;
  • dispone della Polizia Giudiziaria dell'intero Distretto ed esercita la prevista sorveglianza;
  • svolge, quale Funzionario Delegato, l'attività di gestione, in sede distrettuale, dei capitoli di spesa necessari per il funzionamento degli uffici requirenti;
  • è competente ad adottare i provvedimenti necessari ad assicurare la sicurezza interna delle strutture in cui si svolge attività giudiziaria (D.M. Int. e Giustizia del 28 ottobre 1993);
  • partecipa quale parte attiva per l'adozione di determinati provvedimenti alle riunioni del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica;
  • vigila sulla tenuta degli Albi professionali e sul regolare funzionamento del Pubblico Registro Automobilistico.